Bonus colonnine elettriche: in arrivo i contributi 2024 per privati

Colonnine ricarica auto elettriche - Foto di Markus Distelrath da PixabayCon una dotazione di 20 milioni di euro, sta per tornare operativo il bonus colonnine domestiche rivolto a privati e condomini. Si tratta di una misura che si rivolge a utenti privati e che, insieme a quelle rivolta invece a imprese e professionisti, costituisce il sistema dei bonus colonnine elettriche attivo in questi anni.

Bonus auto: come funzionano gli incentivi

Nel corso del 2023 sono stati avviati, infatti, due bonus colonnine per supportare l’installazione di colonnine elettriche di ricarica di autoveicoli, rivolti a due diverse tipologie di beneficiari.

Il primo (quello rivolto ai privati) è gestito dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT), la cui ultima finestra si è chiusa a metà marzo 2024 e che ora è pronto a tornare operativo, con un budget di 20 milioni di euro, non appena il dicastero guidato d Adolfo Urso renderà noti i termini per l’invio delle domande.

Il secondo bonus (che parla a imprese e professionisti) è invece rappresentato dalla misura gestita dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE), la cui edizione più recente è ancora operativa fino al 20 giugno 2024.

Veicoli elettrici: pubblicati i bandi PNRR per stazioni di ricarica

Il bonus colonnine elettriche per privati

Più nello specifico, il bonus colonnine domestiche è costituito da un incentivo diretto a coprire i costi legati all’acquisto di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici diretto a privati e condomini. 

Il contributo è pari all’80% del prezzo di acquisto e posa in opera, nel limite massimo di 1.500 euro per singolo richiedente e di 8.000 euro nel caso in cui le opere ricadano sulle parti comuni di edifici condominiali.

Nel dettaglio, i contributi coprono le spese sostenute per l’acquisto dell’infrastruttura di ricarica e la relativa posa in opera, compresi:

  • l'acquisto e la messa in opera di infrastrutture di ricarica, incluse (se necessario) quelle per l'installazione delle colonnine, gli impianti elettrici, le opere edili strettamente necessarie, gli impianti e i dispositivi per il monitoraggio; 
  • le spese di progettazione, direzione lavori, sicurezza e collaudi
  • i costi per la connessione alla rete elettrica, tramite attivazione di un nuovo POD (point of delivery).

Come già accennato, dopo le scorse aperture, il bonus colonnine domestiche è pronto a tornare operativo. L'annuncio è arrivato oggi, 13 giugno, direttamente dal MIMIT che ha pubblicato il nuovo decreto direttoriale volto a disciplinare la concessione dei contributi 2024 destinati all’installazione delle colonnine presso utenti privati. Come già accennato, a disposizione vi sono 20 milioni di euro che saranno erogati mediante una procedura a sportello, i cui termini di apertura non sono però ancora stati resi noti. Il bonus coprirà le spese di installazione sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2024.

Consulta la scheda di sintesi del bando

Il bonus colonnine per imprese e professionisti

E’ invece attualmente aperto, ma ancora per pochi giorni, il bonus colonnine rivolto a imprese (di qualunque dimensione, operanti in tutti i settori e su tutto il territorio italiano) e professionisti, per l'acquisto e l'installazione di infrastrutture per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica. 

In questo caso si tratta della misura gestita dal MASE con una dotazione originaria di ben 87,5 milioni di euro, con la fetta maggiore è destinata alle imprese (78,7 milioni), mentre i restanti 8,75 milioni sono riservati invece ai professionisti. 

Rispetto al bonus rivolto ai cittadini, quello del MASE per imprese e professionisti prevede una percentuale di contribuzione minore, pari al 40% delle spese per: 

  • l’acquisto e messa in opera di infrastrutture di ricarica, comprese le spese per l’installazione delle colonnine, gli impianti elettrici, le opere edili strettamente necessarie, gli impianti e i dispositivi per il monitoraggio;
  • la connessione alla rete elettrica (nel limite massimo del 10%);
  • le spese di progettazione, direzione lavori, sicurezza e collaudi (nel limite massimo del 10%).

La prima apertura dello sportello è avvenuta tra il 26 ottobre e il 30 novembre 2023. Complice però il mancato esaurimento della dotazione e la disponibilità residua di ben 70 milioni di euro, con una nota dell'8 marzo 2024 il MASE ha annunciato la riapertura dei termini per l'invio delle domande a partire dal 15 marzo e fino al 20 giugno 2024.

Per saperne di più consulta la scheda di sintesi del bonus colonnine per imprese e professionisti

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.