Mipaaf: il rapporto sul Fondo per lo sviluppo dell'imprenditoria giovanile in agricoltura

Agricoltura - foto di Hop-FrogIl Ministero delle Politiche agricole pubblica il rapporto sullo stato di attuazione, al 31 dicembre 2012, del Fondo per lo sviluppo dell'imprenditoria giovanile in agricoltura. Il campo d'azione dello strumento, istituito dalla legge n. 296 del 27 dicembre 2006, è stato allargato con la legge n. 244/2007 (legge finanziaria 2008) alla promozione del ricambio generazionale e allo sviluppo delle imprese giovanili anche nel settore della pesca.

Credito: dubbi sulla fattibilità del veicolo finanziario per le imprese

Mario Comana fonte LuissUna bella idea che potrebbe restare tale. Il veicolo finanziario per le imprese, il fondo dei fondi lanciato dalle pagine del Sole 24 Ore dal suo direttore Roberto Napoletano, lo scorso 14 aprile, rischia di tramutarsi in un'idea futuribile e di difficile realizzazione, almeno nel breve periodo. Nonostante l'endorsement del presidente dell'Abi Antonio Patuelli - espresso in un'intervista pubblicata due giorni dopo sempre dall'organo di stampa vicino a Confindustria, da quello che FASI.biz ha potuto apprendere, la proposta viene valutata con una certa cautela dalle realtà chiamate in causa: la stessa Abi, per l'appunto, Bankitalia e la Cassa Depositi e Prestiti.

Una vera riforma per la gestione efficiente degli incentivi allo sviluppo

Corrado Passera - foto di Niccolò CarantiIl recente intervento del vicedirettore generale della Banca d'Italia Fabio Panetta ad un convegno, dove ha dichiarato che gli incentivi erogati in 15 anni nel Mezzogiorno hanno avuto un effetto modesto, è l'occasione per alcune considerazioni sulla legge 488/92 - la regina delle agevolazioni alle imprese per oltre un decennio - e per esprimere un paio di suggerimenti sulla profonda riforma della materia di cui il Paese ha bisogno, soprattutto quando urge impiegare le risorse Ue 2007-2013, si sta negoziando la nuova programmazione finanziaria 2014-2020 e questi fondi avranno un ruolo sempre più importante vista la scarsità di mezzi a cui il Paese può ormai ricorrere.

Marcegaglia presidente BusinessEurope è un segnale importante per l'Italia

Emma Marcegaglia - foto di Giuseppe NicoloroBusinessEurope è l'organizzazione che riunisce tutte le associazioni industriali europee, in sostanza una “Confindustria” targata Ue. La nomina di Emma Marcegaglia alla sua guida è una buona notizia, che va contro il disinteresse - o quantomeno la trascuratezza - che gli italiani generalmente hanno verso l'Europa. Quando bisogna contare nell'Unione, si sa, l'Italia viene sempre dopo Francia, Germania e Gran Bretagna, e questo significa anche meno finanziamenti per le organizzazioni italiane che chiedono i contributi Ue per sviluppare i loro progetti, nonostante il nostro paese sia quello che in genere produce il maggior numero di richieste.

PAC: Report Ue sui pagamenti diretti erogati agli agricoltori nel 2011

AgricolturaLa Commissione europea pubblica la sua relazione annuale sulla distribuzione globale dei pagamenti diretti, per Stato membro, erogati nel 2011 alle imprese nell'ambito della Politica agricola comune. E rivela che gli aiuti diretti non sono ancora equamente distribuiti tra i beneficiari: in media, l'80% degli agricoltori riceve circa il 20% dei pagamenti (ma con importanti differenze tra i paesi Ue). Un dato in linea con le caratteristiche storiche del sostegno della Pac, che l'Esecutivo comunitario vorrebbe modificare con le sue proposte di riforma per il periodo 2014-2020.

Efficienza energetica: Italia, piano d'azione nazionale insoddisfacente

EnergiaIl piano d'azione nazionale sull'efficienza energetica dell'Italia non soddisfa gli standard europei, soprattutto nel settore dei trasporti. E’ quanto emerso dallo studio "Energy Efficiency Watch", commissionato da Bruxelles al Wuppertal Institute e a Ecofys Germania per analizzare i piani di azione di 27 Stati membri in vista del recepimento della nuova direttiva sull'efficienza energetica, previsto per il 2014 (direttiva 2012/27/UE).

Media impresa Ue: il rapporto di Confindustria, R&S-Mediobanca e Unioncamere

Businessmen - foto di thinkpanamaPubblicato il Rapporto sulle "Medie imprese in Europa" realizzato in partnership da Confindustria, R&S-Mediobanca e Unioncamere. Il documento riporta i dati che sono emersi da uno studio sistematico delle imprese di media dimensione in Italia, Francia, Germania e Spagna, effettuato nel corso degli ultimi anni.

RetImpresa: pubblicato il manuale sul management dei contratti di rete

Business - foto di Victor1558Promuovere la nascita e lo sviluppo delle reti di impresa e supportare imprenditori e aziende nel raggiungimento dei propri obiettivi con efficienza e efficacia. E' questa la finalità con cui RetImpresa - insieme a LUISS Guido Carli, Sapienza Università di Roma, PDFOR, Associazione Premio Qualità Italia - ha realizzato un manuale dal titolo "Il management delle reti d’impresa, dalla costituzione alla gestione operativa per i contratti di rete".

Bei e Mise: due rapporti sul sostegno alle attivita' economiche

DenaroL’Italia è il secondo paese dopo la Spagna ad avere ricevuto in Europa più fondi dalla Banca europea per gli investimenti (Bei). E’ quanto emerge dal rapporto annuale della Bei, che valuta in oltre 6,8 miliardi di euro il sostegno concesso nel 2012 dall’istituto di credito europeo all'Italia, in calo rispetto al 2011. Diminuiscono anche le agevolazioni erogate al livello nazionale. Un dato portato alla luce dalla "Relazione sugli interventi di sostegno alle attività economiche e produttive" redatta dal Ministero per lo Sviluppo economico (Mise).

L’incapacità politica degli italiani a scegliersi dei rappresentanti adeguati

Beppe GrilloIn queste elezioni è ovvio che sono tutti gli italiani ad aver perso, per non aver saputo esprimere politici in grado di affermare una vera maggioranza e quindi di governare. Il centrosinistra non ha voluto liberarsi dalle logiche delle sue correnti più radicali, il centrodestra da una guida inefficace, Monti dall’aura di riformista che caro fa pagare la tenuta dei conti pubblici, Grillo dall’eccessivo populismo e dalle sconosciute capacità dei suoi candidati.

Istat: rapporto sulla competitivita' delle imprese

ImpreseArriva dall'Istat il primo "Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi", un documento volto a fornire un quadro del sistema produttivo italiano, dall'andamento dei diversi settori, ai modelli di internazionalizzazione delle imprese italiane fino alle performance e alle strategie di export del settore manifatturiero. Sul sito web dell'istituto disponibili l'ebook e le schede settoriali che compongono il rapporto.

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.