Coronavirus: Campania, 220 mln per microimprese e professionisti

 

Campania: bandi bonus una tantum per microimprese e lavoratori autonomiConsiderando il forte impatto della pandemia da Covid-19, la Regione Campania mette a disposizione nuove risorse attraverso due bandi con bonus una tantum a fondo perduto: il primo per microimprese artigiane, commerciali, industriali e di servizi; il secondo per professionisti e lavoratori autonomi. 

Coronavirus: i contributi delle Regioni per famiglie e imprese

A disposizione un budget complessivo di 220 milioni di euro. Le dotazioni, a disposizione di entrambe le call, sono a valere sia sul POR Campania FSE 2014-2020 e FESR 2014-2020.

Coronavirus: bonus 2mila euro per microimprese

L’avviso è finalizzato a sostenere le microimprese artigianali, commerciali, industriali e di servizi con sede operativa nel territorio della Regione Campania, appartenenti ai settori colpiti dall’attuale crisi economico-finanziaria causata dall’emergenza sanitaria Covid-19, mediante la concessione di un bonus una tantum a fondo perduto.

Possono presentare la domanda del bonus le micro imprese artigiane, commerciali, industriali e di servizi che:

  • risultino attive e abbiano sede operativa nella Regione Campania;
  • risultino iscritte nelle pertinenti sezioni del Registro delle Imprese istituito presso la CCIAA territorialmente competente;
  • abbiano un fatturato con valori compresi tra un euro e 100mila euro.

Il bonus è concesso nella forma di un contributo a fondo perduto una tantum, pari a 2mila euro per ciascuna impresa richiedente. Il budget totale a disposizione è pari a 140 milioni di euro.

Le domande potranno essere presentate dagli interessati entro il 30 aprile.

Per approfondire: cosa c'è per le imprese nel decreto Cura Italia

Fondi UE a sostegno dei professionisti

Un’altra iniziativa promossa dalla Regione, in apertura il 24 aprile, è finalizzata a sostenere i lavoratori autonomi, titolari di partita IVA, attraverso l’erogazione di un bonus nella forma di un contributo a fondo perduto una tantum, pari a 1.000 euro

I beneficiari dell’avviso sono, appunto, i professionisti in possesso dei seguenti requisti:

  • iscrizione all’albo professionale ed alla relativa Cassa previdenziale privata ovvero, nel caso in cui l’Albo professionale non sia costituito, alla gestione separata INPS;
  • inizio attività prima del 1° gennaio 2020;
  • sede/studio sul territorio regionale;
  • non iscrizione ad altra forma di previdenza obbligatoria;
  • fatturato dell’anno 2019 inferiore a 35mila euro.

Sono esclusi i titolari di pensione, i lavoratori dipendenti, i lavoratori autonomi che non esercitano attività professionali, iscritti alle sezioni speciali dell’Assicurazione generale obbligatoria dell’INPS (artigiani, commercianti, coloni, etc).

Le risorse finanziarie disponibili sono pari a 80 milioni di euro. L’aiuto è attuato attraverso una procedura non competitiva a sportello a sostegno dei lavoratori autonomi.

L’invio della domanda di partecipazione sarà possibile esclusivamente tramite la piattaforma regionale entro l'8 maggio.

Partite IVA e non solo: bonus 600 euro, via alle procedure di pagamento

Per leggere il contenuto prego
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.