Fondi europei post 2020 - le proposte del Parlamento UE per l'azione esterna

 

European Parliament - Photo credit Guilhem VellutGli europarlamentari propongono la sospensione dei fondi per i Paesi che non rispettano i diritti umani e chiedono maggiore attenzione per le politiche ambientali e climatiche.

Cooperazione: programmi d’investimento UE per Paesi e territori d'oltremare

Le commissioni per gli Affari esteri (AFET) e lo Sviluppo (DEVE) del Parlamento europeo hanno adottato la loro posizione comune sulla proposta dello Strumento di vicinato e di cooperazione internazionale e allo sviluppo (Neighbourhood, Development and International Cooperation Instrument, NDICI) per il periodo 2021-2027.

Strumento di vicinato e di cooperazione internazionale e allo sviluppo

Il NDICI andrà a integrare, in un’ottica di razionalizzazione ed efficientamento delle risorse, gran parte degli strumenti UE per l’azione esterna attualmente separati:

  • Fondo europeo di sviluppo (FES), che attualmente non rientra nel bilancio,
  • Strumento europeo di vicinato (ENI),
  • Strumento di cooperazione allo sviluppo (DCI),
  • Strumento europeo per la democrazia e i diritti umani (EIDHR),
  • Strumento inteso a contribuire alla stabilità e alla pace (IcSP),
  • Strumento di partenariato per la cooperazione con i paesi terzi (SP),
  • Fondo di garanzia per le azioni esterne.

Una volta in vigore, il NDICI sarà lo strumento principale dell'UE per promuovere la cooperazione con i Paesi extra-UE del vicinato e non. Inoltre, comprenderà un quadro di investimenti per l’azione esterna, volto a reperire risorse finanziarie per lo sviluppo sostenibile dal settore privato.

Il quadro, con risorse pari a 60 miliardi di euro, sarà costituito dal nuovo Fondo europeo per lo sviluppo sostenibile (EFSD+) e dalla Garanzia per le azioni esterne.

Le proposte delle commissioni AFET e DEVE

Il documento approvato dalle commissioni AFET e DEVE del PE con 46 voti favorevoli, 6 voti contrari e 10 astensioni prevede per il prossimo settennato uno stanziamento a prezzi correnti di 93,154 miliardi di euro, con un aumento di quasi quattro miliardi di euro rispetto agli 89,2 miliardi proposti dalla Commissione europea.

> Il nuovo strumento UE da 90 miliardi per la cooperazione internazionale

Gli europarlamentari propongono, inoltre, che il 45% delle risorse dello strumento sia destinato al sostegno degli obiettivi climatici e ambientali previsti dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e dall'Accordo di Parigi sul clima.

La posizione approvata dalle commissioni AFET e DEVE prevede, poi, la sospensione dei finanziamenti UE ai Paesi che non rispettano i principi di promozione della democrazia, dello stato di diritto e del rispetto dei diritti umani, considerati obiettivi centrali e imprescindibili dell'azione esterna dell'Unione.

Inoltre, i deputati propongono di:

  • aumentare i fondi per le attività relative ai diritti umani e alla democrazia in tutto il mondo ad almeno 2 miliardi di euro,
  • alzare il finanziamento UE per le organizzazioni della società civile a 2,2 miliardi di euro,
  • prevedere ulteriori 0,5 miliardi di euro per le autorità locali.

Infine, pur riconoscendo la necessità di maggiore flessibilità nella gestione degli strumenti di azione esterna, i deputati chiedono un più intenso controllo da parte del PE e il rafforzamento delle disposizioni in materia di governance e responsabilità per la programmazione e l'amministrazione dei fondi.

La plenaria del Parlamento europeo voterà il testo durante la sessione del 25-28 marzo a Strasburgo. Per entrare in vigore, la proposta del NDICI dovrà quindi essere concordata con il Consiglio UE.

UE-ACP: verso la definizione del partenariato post Cotonou

Photo credit: Guilhem Vellut

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.