Fondi UE - bando 2019 per invecchiamento attivo

Active and assisted living - Photo by Robert Agthe on Foter.com / CC BYAtteso per febbraio il lancio del bando 2019 del programma Active and Assisted Living per il finanziamento di soluzioni innovative dedicate all'invecchiamento attivo.

Fondi Ue - finanziamenti Horizon 2020 per invecchiamento attivo

L'associazione Active and Assisted Living (AAL) ha annunciato per il mese di febbraio 2019 il lancio del nuovo bando per supportare la realizzazione di soluzioni intelligenti e sostenibili per l'invecchiamento attivo.

Horizon - Work programme 2018-2020 su salute e cambiamento demografico

Programma Active and Assisted Living

Il programma Active and Assisted Living, cofinanziato dalla Commissione UE nell'ambito del programma per la ricerca e l'innovazione Horizon 2020 con un budget di 700 milioni di euro per il periodo 2014-2020, intende migliorare la qualità della vita nell’Unione investendo sull’invecchiamento attivo.

Gli obiettivi generali del programma AAL sono:

  • ampliare la disponibilità di prodotti e servizi basati sulle tecnologie ICT per un invecchiamento attivo e in buona salute, al fine di migliorare la qualità della vita degli anziani e di coloro che li assistono e, al tempo stesso, la sostenibilità dei sistemi di assistenza;
  • sostenere attività di ricerca applicata, sviluppo e innovazione nel campo dei prodotti e dei servizi basati sulle ICT per invecchiare in buone condizioni, coinvolgendo soprattutto le PMI e gli utenti;
  • stimolare gli investimenti privati e migliorare le condizioni di sfruttamento industriale di tali tecnologie, predisponendo un quadro coerente per lo sviluppo di approcci e soluzioni a livello europeo che comprenda norme minime comuni.

Anticipazioni sul bando AAL 2019

Il bando 2019 sarà dedicato al tema “Sustainable Smart Solutions for Ageing well” e finanzierà progetti collaborativi transnazionali e multidisciplinari, che siano in grado di sviluppare soluzioni ICT innovative nel campo dell'invecchiamento attivo da immettere sul mercato.

In particolare la call supporterà progetti collaborativi - presentati da consorzi composti da almeno 3 organizzazioni di 3 paesi diversi - e piccoli progetti collaborativi, con una durata di 9 mesi e un cofinanziamento massimo di 300mila euro.

Le domande potranno essere presentate a seguito del lancio del bando, atteso per l'inizio di febbraio.

La scadenza è prevista per la fine di maggio.

> Bilancio UE post 2020 – il Fondo Sociale Europeo diventa FSE Plus

Photo by Robert Agthe on Foter.com / CC BY

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.